Skip to content
COMUNICATO STAMPA XI CNAU

“PERCHÉ IL MONDO DELLE API È ANCHE QUELLO DEGLI ESSERI UMANI”

Con questo titolo, tratto da “Il mondo senza api” di Hanna Harms (EDT Editore) il prossimo 25 novembre BeeOzanam ospiterà la XI edizione del Convegno Nazionale di Apicoltura Urbana.

Il convegno rappresenta un momento cruciale per la ‘Rete Nazionale’, che, dopo aver toccato città come Roma, Urbino, Bolzano, Potenza, Firenze e Bologna, fa ritorno a Torino. Quest’anno, il tema centrale ruota attorno al ‘manifesto dell’apicoltura urbana’, unico nel suo genere, che sintetizza i principi fondamentali secondo cui l’apicoltura urbana in Italia si sviluppa. Dai concetti di rigenerazione sociale e ambientale all’inclusione di soggetti svantaggiati, al bio-monitoraggio ambientale, le città italiane incarnano in modo esemplare questo manifesto, traducendolo in azioni e progetti strutturati nel corso degli anni.

La sensibilizzazione verso il ruolo cruciale delle api e degli insetti impollinatori è in aumento, evidenziata non solo dall’esplosione di esperienze didattiche nelle scuole, ma anche dalla crescente progettualità del verde urbano, guidata sia dai cittadini che dalle istituzioni. Le città diventano “super-organismi” che coesistono, ma contemporaneamente assistiamo a cambiamenti climatici che impattano sulle vite quotidiane, influenzando gli esseri viventi, animali e vegetali.

Il Convegno riunirà insegnanti, artisti, educatori, apicoltori, filosofi, architetti paesaggisti, entomologi, ricercatori e professionisti del settore apistico per esplorare il tema in modo approfondito.

Programma:

  • 9:00 Avvio del convegno e saluti istituzionali. Introduzione generale della Rete Nazionale Apicoltori Urbani.

  • 9:45: Dibattito: “Superorganismi e comunità alleate. Le api e la metropoli verso il 2030. Una didattica sulla vita.”

  • 12:30: Apiaria: come il linguaggio della danza possa stimolare riflessioni e azioni sui temi dell’ecologia.

  • 14:15: Dibattito: “Apicoltura e ambiente urbano e rururbano. Dalla produzione alla progettazione sostenibile urbana. Quali scenari?”

Coffee break

  • 17:00: Presentazione del libro: “La vita segreta delle api” (Marco Valsesia, Longanesi, 2023).

  • FOCUS: Vespa velutina nel torinese: l’unione fa la forza! tentativo di eradicazione e monitoraggio collettivo della sua diffusione. A cura di Alberto Pesavento tecnico apistico di Aspromiele.

Per ulteriori informazioni e dettagli, si prega di contattare Wanda Camusso (parcodelnobile@gmail.com) o Cortese Guido (impollinatori@gmail.com)

#cnau2023 #reteapiurbane

A cura della RETE NAZIONALE APICOLTORI URBANI – www.reteapirubane.it

Impollinatori Metropolitani APS ETS e Ass. Parco del Nobile

Cofinanziato dall’Unione Europea

Con il sostegno di ASPROMIELE, F.lli Favaro e C.M.A. di Pitarresi.

Con il patrocinio di:

Ministero dell’agricoltura della sovranità alimentare e delle foreste

Città di Torino

AIAPP – Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO

Gestione, progettazione e manutenzione del verde urbano di Torino


Facendo seguito quanto emerso nel dibattito politico cittadino e nella Regione desideriamo rendere nota la nostra posizione sul tema della gestione del verde urbano in un’ottica di promozione della biodiversità e di tutela degli insetti impollinatori. Abbiamo inviato una lettera aperta ai nostri assessori e ai consiglieri. Quanto espresso vuole rappresentare la sensibilità delle realtà firmatarie e fornire agli amministratori e agli uffici competenti nuovi dati ed elementi, utili alla discussione che nei prossimi mesi interesserà questo tema. Negli ultimi anni ci siamo trovati ad affrontare i devastanti effetti del cambiamento climatico e le conseguenze di pratiche ad alto impatto ambientale come l’agricoltura intensiva, la modificazione del paesaggio e la riduzione degli habitat naturali. La Comunità Europea ha invitato i Paesi membri e le proprie amministrazioni locali a dotarsi di tutti gli strumenti utili a far fronte a questa emergenza. Tra le diverse misure proposte, in ambito urbano grande rilievo viene dato alle pratiche di gestione del verde con l’obiettivo di mitigare gli effetti climatici estremi e migliorare il benessere psico-fisico dei cittadini. Tra gli indicatori di resilienza dei sistemi maggiormente affidabili troviamo il tasso di biodiversità, quanto più sarà alto e vario quanto più l’ambiente sarà in grado di rispondere e adattarsi ai cambiamenti in atto. La presenza di prati, giardini, parchi e aree incolte all’interno del tessuto urbano garantisce spazio, rifugio e nutrimento a tantissime specie animali e vegetali. Tra questi un ruolo di primaria importanza è quello svolto dagli insetti impollinatori, da cui dipendono più dell’80 % delle colture agricole e della flora spontanea. L’utilizzo di pesticidi e lo sviluppo di un’agricoltura sempre più intensiva e impattante ha reso quanto mai necessario salvaguardare gli elementi della rete ecologica (aree naturali e corridoi biologici). Anche le città, con i propri spazi verdi possono concorrere a connettere e ospitare esseri viventi, trasformando la visione di Smart City in Bio City. Questo a patto di investire su una pianificazione della gestione del verde innovativa e coraggiosa. Gli esempi di progetti e regolamenti pensati per valorizzare la biodiversità urbana e tutelare gli insetti impollinatori sono molti, sia sul territorio nazionale, che nel resto della Comunità Europea. Quanto richiesto alla Città di Torino, e per estensione a chi di competenza in Regione Piemonte, è di provare a immaginare nuovi modelli da sperimentare sul nostro territorio. A partire dall’adesione ai protocolli delle reti Città libere dai pesticidi e Comuni amici delle api. Chiediamo inoltre di vigilare sul rispetto delle linee guida pubblicate dal MASE e dei CAM; di valorizzare gli strumenti a supporto e disposizione delle amministrazioni, come la Consulta per l’Ambiente e per il Verde di Torino e le Università; di verificare le competenze degli operatori che eseguiranno le attività di manutenzione e sfalcio; di formare i Volontari Civici del Comune perché siano in grado di supportare l’amministrazione; di proporre momenti di confronto aperti come assemblee pubbliche e tavoli di lavoro e di investire in una campagna di comunicazione capillare e continua; di realizzare percorsi di promozione delle buone pratiche per la tutela e l’incremento della biodiversità urbana tra i privati. Alleghiamo testo completo della lettera inviata all’amministrazione agli uffici competenti. Impollinatori Metropolitani APS ETS Circolo Legambiente Molecola aderiscono e sottoscrivono: PAN EUROPE (Pesticide Action Network EU) (Città libere dai pesticidi) WWF Italia AssoBio (Italia) ISDE Associazione Italiana Medici per l’Ambiente (Italia) FELCOS Umbria - Comune Amico delle Api Slow Food Piemonte e Valle D’Aosta Dott. Simone Tosi (BeeLab - DISAFA - UNITO) Associazione Parco del Nobile (Torino) Comitato Torino Respira LAV Torino Lipu Torino Ecopolis (Torino) Comitato Salviamo i prati (Torino) Circolo Legambiente GreenTo (Torino) Circolo Legambiente Metropolitano (Torino) Associazione Culturale Giardino Forbito (Torino) Egalitè Onlus (Roma) Associazione WWF Trentino ODV

E' iniziato il bando Re:Azioni di Compagnia di San Paolo. Il progetto si intitola "Siamo fiori dello stesso campo" e si attua nel Comune di Avigliana, applicando il Progetto Fioraia, con Il Comune di Avigliana, Fondazione Agrion, Università di Torino e l'Associazione Bee Human.

E' conclusa con pieno successo la nostra raccolta fondi per la rigenerazione dei paesaggi iniziando da alcuni territori in Regione Piemonte : Crowd for Dream!

Siamo tutti impollinatori

Ci impegniamo a educare, tutelare, promuovere la biodiversità per salvaguardare le api, gli imenotteri selvatici, i lepidotteri, i ditteri e gli altri insetti pronubi attraverso progetti di rigenerazione ambientale e sociale. Gli insetti impollinatori. Sono davvero importanti per la nostra vita e per la salute del pianeta.

Proponiamo un nuovo modo di rapportarci con l’ambiente riscoprendo la naturalezza dei rapporti tra umani animali e piante, attraverso il gioco, la divulgazione, il sostegno alla ricerca,
la convivialità, i mercati agricoli amici delle api.

Riproduci video
106742352_2697349560501253_56568408715977395_o
122751534_1338199873189292_4296906042256919074_o
131891100_1381261958883083_1695126270028246349_o
IMG_20201004_145534

Vuoi collaborare?

Diventa Impollinatore

Da ottobre 2021 abbiamo avviato diversi progetti. Per questo avremo bisogno di nuovi soci e volontari. Iscriviti e partecipa. Per ogni informazione sull’Associazione e sui progetti siamo a tua disposizione.

Progetti e aree di intervento

La Comunità opera nel settore ambientale e sociale.

Progetto Fioraia

Creiamo un modello di rete con azioni sostenibili replicabili e scalabili per garantire una migliore qualità della vita degli insetti impollinatori, degli animali selvatici e di quelli allevati sul territorio. Rigeneriamo i paesaggi e l’agricoltura locale attraverso la gestione di terreni incolti o silenti integrando e seminando piante mellifere e pollinifere. Aumentiamo la biodiversità con una ricaduta sul benessere dei cittadini e cittadine dei singoli Comuni che aderiscono alla rete.

Atlante del cibo migrante

Abbiamo avviato da alcuni anni un percorso per conoscere gli aspetti legati alla tradizione gastronomica dei popoli che sono arrivati a Torino.
Il progetto è connesso con Atlante del cibo e la rete per le Politiche del Cibo di Torino.

Siamo Api di Falchera

Siamo api di Falchera è un progetto in cui insegnare apicoltura a persone in condizione di svantaggio.
E' sviluppato con Falchera Labb e il Comitato per lo sviluppo della Falchera. Sostenuto dalla Fondazione ITASolidale di Trento, e pubblico su Torino Social Impact, un progetto di Camera di Commercio di Torino.

Laboratori e proposte didattiche

Offriamo un ampio ventaglio di attività legate alla conoscenza del ciclo vitale della piante, alla società delle api, alla scoperta dell‘impollinazione al servizio della biodiversità.Proponiamo percorsi tematici sul sistema del cibo, ecologia urbana, rifiuti e recupero della materia organica e cambiamenti climatici. Tutto questo lo possiamo fare attraverso l‘esperienza del gioco, dello scambio della relazione utilizzando metodologie didattiche specifiche a seconda delle persone coinvolte.

Attività all'aria aperta: Falchera e Giardini di Sambuy

Ci incontriamo per attività divulgative in Cascina Falchera e in Piazza Carlo Felice presso i Giardini di Sambuy, dove è possibile organizzare laboratori e incontri specifici per la cittadinanza e il quartiere. Sono spazi di Città di Torino assegnati a noi e dedicati all'educazione agricoltura e scienza ma sopratutto alle api e agli impollinatori!
Qui organizziamo corsi e incontri con i cittadini.

Mercati tematici

Vieni a trovarci ai Giardini di Sambuy, ogni seconda domenica del mese.
Faremo anche dei mercati straordinari. Consulta il calendario.

Vieni a trovarci

Progetti e aree di intervento

Spazio WOW in Via Onorato Vigliani 102 e Falchera sono luoghi di Città di Torino in cui faremo attività, corsi, laboratori e nuovi progetti

WhatsApp Image 2023-04-19 at 07.57.18

Prossimi appuntamenti & FAQs !

RESTIAMO CONNESSI

L’Associazione degli Impollinatori Metropolitani non è a fini di lucro. Ogni attività è su base volontaria.

La Comunità Slow Food degli Impollinatori Metropolitani è un progetto di territorio, che aderisce alla rete internazionale di Slow Food e di Terra Madre. La Comunità nasce con l’intento di promuovere e difendere la biodiversità, intesa come il valore delle differenze di tutti gli esseri viventi, quindi anche degli esseri umani. L’Associazione degli Impollinatori Metropolitani  nasce per sostenere e sviluppare i progetti della Comunità. Creando valore, raccogliendo fondi, attivando canali e comunicando con le istituzioni.

Le api e gli insetti impollinatori sono in grave pericolo di vita. Secondo l’ultimo rapporto ISPRA l’agricoltura intensiva, l’innalzamento delle temperature, l’inquinamento, i cambiamenti climatici sono alla base di una perdita di biodiverstià e della varietà di insetti impollinatori. Grazie a loro dipende più del 70% del cibo che consumiamo. In qualità e quantità. Per questo abbiamo bisogno di loro. Ci impegnamo a comunicare e informare sui temi a noi cari. Organizziamo dei corsi per educare al rispetto dell’amboente e sella sostenibilità. Organizziamo incontri e convegni. Sosteniamo progetti per la difesa dei paesaggi e del loro equilibrio naturale.

Ciascuno di noi deve fare quel che può. Conoscere e informarsi, partecipare alle iniziative. Seguire i progetti e se possibile sostenerli. Puoi diventare volontario per aiutare nelle varie attività all’aperto. O nelle attività di formazione ed educazione. Puoi associarti per avere maggiori servizi, partecipare alla formazione. Puoi donare un piccolo o grande contributo a favore dei progetti.

XI CONVEGNO NAZIONALE APICOLTURA URBANA

Il prossimo 25 novembre BeeOzanam ospiterà la XI edizione del Convegno Nazionale di Apicoltura Urbana.

Realizzato da Impollinatori Metropolitani con Ass. Parco del Nobile e il sostegno di Aspromiele, informazioni e programma su http://www.reteapiurbane.it

-